anche su: logo Youtube   Logo Facebook    Logo Twitter resize 

   Banner-convegno-informazion

 

 

 martedì 18 febbraio 2014, ore 21.00
Circolo dei lettori, via Bogino 9 - Torino

Il Tav e i media: quale informazione?

 

presentazione della ricerche di
Irene Pepe, Maurizio Pagliassotti e Massimo Bonato
sugli orientamenti di Corriere della sera, La Stampa e La Repubblica

ne discutono:
Raffaella Di Rosagiornalista di La 7
Carlo Freccero - esperto di comunicazione
Franca Roncarolo - docente di comunicazione politica

presiede
Ugo Mattei

ESISTE UN'ALTRA TORINO

Il 24 novembre la Camera di commercio di Torino ha insignito del titolo di “torinese dell’anno 2012” l’architetto Mario Virano con una motivazione nella quale si «ribadisce l'appoggio incondizionato alla realizzazione della Torino-Lione» e si premia Virano, presidente della Commissione intergovernativa Italia-Francia sulla Torino-Lione, «per l'impegno, la competenza e la pazienza» dimostrati. Le virtù dell’architetto Virano sono, secondo la lobby del Tav torinese, quelle di essere il presidente della Commissione intergovernativa per la realizzazione della linea ferroviaria e di avere svolto tale funzione con encomiabile pazienza e impegno, necessari per reggere i contestuali onerosi incarichi di Commissario di Governo e di Presidente dell’Osservatorio Valsusa. Altre virtù a sostegno del riconoscimento non vengono menzionate, almeno stando al comunicato dell’Ansa: forse in ossequio a un asciutto stile sabaudo, forse per la loro inesistenza. Comunque sia, a questo dobbiamo attenerci.

Ma esiste un’altra Torino, alternativa alla lobby del Tav. È una città fatta di donne e di uomini, di associazioni e di movimenti convinti che il futuro non stia nelle grandi opere ma nella cura e nella salvaguardia del territorio, che la salute di tutti valga più del profitto di alcuni, che le risorse vadano impiegate a vantaggio delle persone (soprattutto di quelle più deboli) e non di un sistema finanziario autoreferenziale e distruttivo, che le persone e le comunità vadano coinvolte nelle scelte che le riguardano e non considerate destinatarie passive di scelte prese altrove.